A dicembre cosa vedere a Palermo

La Mostra “Body Worlds Vital”.Dove : all’Albergo delle Povere. Qaundo: dal 20 novembre 2019 al 29 marzo 2020.  la mostra di anatomia che offre la possibilità di vedere dal vero il corpo umano arriva per la prima volta in Sicilia. La mostra ideata dal noto medico tedesco e scienziato Gunther von Hagens, si presenta con un’allestimento di nuova concezione e preparazioni anatomiche recentissime, focalizzato sulla salute, il buon funzionamento del nostro organismo e la prevenzione dalle più comuni malattie.“   La Mostra:  “O’Tama”. Dove : a Palazzo Reale. Quando : dal 7 dicembre 2019 al 6 aprile 2020. L’inedita mostra della Fondazione Federico II  sull’ artista giapponese che visse 51 anni a Palermo rompendo gli schemi della classicità. Esposti per la prima volta gli acquerelli restaurati. la prima artista orientale a giungere in Europa e per 51 anni visse a Palermo, tra il 1882 e il 1933: riuscì ad abbattere le resistenze del sistema legato alla statica classicità. La sua migrazione da Tokyo costituì, quindi, opportunità di innovazione. L’arte orientale, fino ad allora considerata una minaccia per l’arte ufficiale, contaminò e arricchì l’espressione artistica italiana.   Mostra “Castrum Superius. Il Palazzo dei Re Normanni”. Dove : Palazzo Reale. Quando: Dal 15/05/2019 al 10/01/2020. Dal lunedì al sabato dalle ore 8.15 alle 17.40 | domenica e festivi dalle ore 8.15 alle 13.  “Castrum Superius. Il Palazzo dei Re Normanni” ricostruisce la fisionomia medievale del Palazzo Reale e della Cappella Palatina, dalle prime fasi costruttive sino al tramonto del Regno normanno. Per farlo la Fondazione Federico II ha messo insieme un’equipe internazionale di rinomati studiosi che si sono ritrovati attorno al comune obiettivo di consegnare al fruitore una prospettiva storico-scientifica. Con l’aiuto anche di avanzate tecnologie, ecco svelato ogni segreto di quel “Palazzo” dove latini, bizantini e saraceni contribuirono a rendere meravigliosa la residenza dei sovrani grazie alle proprie eccellenze in ambito architettonico, ingegneristico e artistico. La mostra è un progetto interistituzionale della Fondazione Federico II, in stretta collaborazione con l’Assemblea Regionale Siciliana, l’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, il Dipartimento Regionale dei Beni Culturali, la Soprintendenza per i Beni Culturali e il Centro Regionale per la Progettazione e per il Restauro. Alla presentazione per la stampa di questa mattina, oltre alle autorità, hanno partecipato studiosi di fama internazionale tra cui Henri Bresc e Vladimir Zoric. L’esposizione, allestita nelle Sale Duca di Montalto di Palazzo Reale, resterà aperta fino al 10 gennaio 2020.